5 edifici in vetro e le loro storie straordinarie

Il vetro è, da sempre, un materiale che ha solleticato la fantasia di architetti e ingegneri. In tutto il mondo, sono centinaia gli edifici in vetro che danno spettacolo grazie alla loro luminosità e maestosità. Ne abbiamo scelti 5, che affascinano per le loro storie e mostrano come la vita del vetro si intrecci costantemente con la politica, il progresso, l’arte, la passione.

Vetro e architettura sono alleati inseparabili, soprattutto nell’età moderna e contemporanea. Se si prova a digitare su Google “edifici in vetro”, “palazzi in vetro” o parole simili si ottengono migliaia di risultati che raccolgono storie diverse e affascinanti. Alti grattacieli dalle pareti lisce e levigate, che nella notte si accendono di mille colori. Strutture ottocentesche, prime sperimentazioni della contaminazione tra vetro e acciaio. Soluzioni moderne ed efficienti, che guardano al futuro con creatività.

Dal Palazzo dell’ONU a Farnsworth House, 5 edifici in vetro entrati nella storia

In tutta questa lunghissima lista, spiccano cinque storie. Cinque costruzioni che, per motivi diversi, hanno qualcosa da raccontare e si sono ritagliate una striscia di popolarità. Un viaggio intorno al mondo, un itinerario alla scoperta delle mille potenzialità del vetro.

Il Palazzo di Vetro dell’ONU (New York – USA)

Di edifici in vetro, a New York, ce ne sono molti. Uno in particolare, però, gode di fama mondiale, soprattutto in virtù degli importanti uffici che ospita, tanto da essersi meritato il titolo ufficiale di “Palazzo di Vetro”. Si tratta, ovviamente, della sede dell’ONU, l’Organizzazione delle Nazioni Unite. Nulla di particolarmente appariscente all’esterno (solo 154 metri di altezza), al suo interno, però, vede scorrere i destini del mondo. Realizzato tra il 1949 e il 1950, fu inaugurato nel 1951 e da allora ospita tutte le attività dell’ONU. A progettarlo fu l’architetto Oscar Niemeyer e l’edificazione fu in buona parte finanziata da Rockefeller.

Il Palazzo di Cristallo (Madrid – Spagna)

Una struttura ottocentesca regale e affascinante, immersa nel bellissimo Parque del Retiro, nel cuore di Madrid. Il Palazzo di Cristallo è realizzato completamente in acciaio e vetro e porta la firma di Ricardo Velazquez Bosco. Fu costruito nel 1887 per ospitare l’Esposizione delle Isole Filippine e ricalcava, nell’aspetto e nella struttura, l’ancor più celebre Crystal Palace di Londra (Hyde Park), poi distrutto in un incendio (1936). Oggi, dopo l’importante ristrutturazione del 1975, il Palazzo madrileno ospita mostre di arte contemporanea.

Il Banknote Building (Kaunas – Lituania)

Qui si entra nel campo delle curiosità, degli edifici meno popolari ma che meritano ugualmente di essere raccontati. Pochi, infatti, conoscono il Banknote Building di Kaunas, città lituana. Un edifico davvero insolito visto che si presenta come una gigantesca banconota (per la precisione, 1000 litu). Come è possibile? Tutto merito del vetro. Le pareti di questo palazzo, infatti, sono grandi vetrate smaltate, accostate come tessere di un gigantesco puzzle. Uno spettacolo unico al mondo, che merita di essere ammirato.

Farnsworth House (Plano – USA)

Arte, architettura e vicissitudini di amori non corrisposti si intrecciano nella storia di questa abitazione, considerata il simbolo del Movimento Moderno. Nata come casa vacanze della dottoressa Edit Farnsworth, fu progettata dal’architetto tedesco Mies van der Rohe, di cui rimane l’opera più famosa. Farnsworth House, completata nel 1951 e immersa in una bellissima campagna, ha pareti totalmente in vetro che la rendono trasparente e luminosissima. Cosa c’entra l’amore? Subito dopo l’inaugurazione, la casa fu al centro di una causa giudiziaria che vide contrapposta la proprietaria e il celebre architetto. La prima, infatti, lamentava il lievitare dei costi rispetto al progetto originario. C’è chi insinua, però, che la vera ragione della lite fu la fine di una relazione sentimentale tra i due.

Glass Garm (Schiknde – Olanda)

Anche in questo caso, non parliamo di un edificio di fama mondiale, ma di una vera “chicca”: una tipica casa coloniale olandese realizzata totalmente in vetro, dalle pareti fino al soffitto. È stata progettata dall’architetto Winy Maas ed è destinata ad uso misto, residenziale e commerciale. Le particolarità, però, non sono finite qui. Glass Garm, infatti, massimizza l’efficienza energetica, sfruttando al meglio le risorse naturali. In primo luogo, ovviamente, la luce solare.

Contattaci

Gruppo SkyGlass
Via del Mandrione, 105 - 00181 Roma
800.20.04.04

Il gruppo SkyGlass

Share This

Share this post with your friends!